mercoledì

#LaCajaDeLasHistorias - Il circo del villaggio di Clemencia


Mi sono svegliato fradicio di sudore. Mi fa male la mascella quando ero giovane e ho masticato gomma per ore. Anche le mie mani bruciano un po 'ed è perché durante la notte ho chiuso i pugni così forte che ho seppellito le mie unghie contro la carne del palmo delle mie mani. Sono appena le 3 di mattina.



Aprendo gli occhi un ricordo molto vecchio, quasi seppia, mi ha colto di sorpresa.



Da bambino, ho vissuto in un luogo asciutto, villaggio avvizzito dove ha trascorso interi pomeriggi in esecuzione con gli altri bambini dalla combustione atterra sotto il sole pesante. La fionda in mano e borse di pantaloni dannatamente fino alla nausea, ma pieno di pietre taglienti, cercando di uccidere lucertole un colpo.



Se avevamo fame, con la stessa fionda si gettano l'un l'altro pichón e sì, desplumábamos, abbiamo arrostito al fuoco di legna e abbiamo mangiato. Con un po 'di fortuna abbiamo trovato un altro serpente e che, a parte mangiarlo, lasciava abbastanza pelle per decorare le coperte dei nostri machete. Una volta il mio migliore amico ne uccise uno così lungo e grasso che lo raggiunse per diventare due cinture da adulto.



A quel tempo pochissimi finivano la scuola elementare. Le mani erano più utili nel lavorare la terra che nel riposo sui quaderni; o almeno quella era la credenza di tutti, compresi i miei genitori.



Quando mio padre stava per portarmi a scuola per dedicarmi completamente al campo, cominciarono a essere presenti le voci che un circo sarebbe arrivato in città. L'unico circo che sarebbe salito sulla città di Clemencia, ed era pazzesco che un circo fosse stato fondato in quella povera comunità. Chi oserebbe pagare per uno spettacolo quando i pochi soldi non ci sono nemmeno abbastanza da mangiare?



Si stabilirono ai margini della città, un po 'lontano dalle trame che appartenevano alla famiglia del mio migliore amico. Hanno lavorato durante la notte in fuga dai quasi 40 gradi che raggiungono temperature a mezzogiorno e che hanno reso il suo aspetto un evento quasi magica, e così, da un giorno all'altro, ci circo.



Tutti i bambini morivano lui aspetta di andare, ma sembrava un sogno impossibile. Irraggiungibile.



Questa volta, quando il recesso, un piccolo gruppo di bambini ci riuniamo nel cortile della scuola e cominciò a sognare ad occhi aperti su tutte le meraviglie che circo aveva preparato per il pubblico. Molti di noi non avevano idea di cosa stesse accadendo in un circo, ma alcuni altri avevano sentito un paio di storie a riguardo. Da uomini colorati che hanno dato dolci e palloncini ai bambini, anche uomini capaci di piegare una barra d'acciaio con le proprie mani. Il mio migliore amico ha detto che di notte, quando sono iniziate le funzioni, si potevano sentire applausi, risate e allegre melodie ipnotiche. Tre sere di seguito è successa la stessa cosa e tutti i bambini hanno iniziato a radunarsi per chiedere se qualcuno fosse andato via, ma si è scoperto che nessuno aveva soldi per quello. Il mio amico ha chiesto qualcosa che nessun altro aveva pensato in quel momento a nessun altro bambino:



- Allora di chi sono gli applausi e le risate che sento ogni sera?



Eravamo lì quasi tutti i bambini della scuola e quindi della città. Al massimo 30 bambini. Si guardarono l'un l'altro e una voce si alzò dicendo:



- Sono dei papà!



La folla cominciò a mormorare e qualcun altro gridò



- Sì! Ecco perché fanno le funzioni di notte, quando i bambini dormono.



Ancora una volta è stato creato il caos. Il mio migliore amico, leader nato, ha alzato di nuovo la voce per dire che c'era solo un modo per scoprirlo. Di notte, quando le campane della chiesa annunciavano l'8, ci saremmo visti al chiosco e da lì ci avrebbe guidati al circo per vedere una volta per tutte chi erano le risate e gli applausi.



Sapevamo tutti che questo era solo un pretesto per intrufolarsi nel circo, e non c'era bisogno di elaborare una storia per uscire nel bel mezzo della notte per vedere uno dei più grandi spettacoli che l'uomo avesse inventato.



Più tardi tutti noi di cui ci saremmo pentiti.



Quando suonarono le campane, molti di noi lasciarono la casa e fecero il giro della città buia dopo l'edicola e una risposta definitiva. Ecco dove il mio amico ci stava aspettando. Abbiamo riunito 12 bambini e abbiamo dato agli altri qualche minuto in più per vedere se qualcun altro si è unito, ma non è venuto nessuno.



Il mio amico ha dato l'ordine di iniziare a camminare prima che un adulto ci disperdesse e ce ne siamo andati silenzio.



In lontananza potevamo vedere le luci spettacolari del circo. Non è venuto in mente a nessuno di chiedere da dove hanno preso l'elettricità, e abbiamo camminato come insetti verso la luce di un lampione. Più vicino abbiamo ottenuto, più presenza ha avuto risate e applausi. Era quasi pieno. Il mio amico ha approfittato del resto di noi ed è stato il primo a colpire la testa sotto la spessa stoffa che ospitava quel trambusto. Ha tirato fuori la testa e ci ha chiesto di seguirlo da vicino, che ci avrebbe spostati in avanti finché non avremmo potuto guardare sotto le gradinate. Questo è quello che abbiamo fatto



Il posto era pieno di bambini e adulti, ma potevamo vedere solo i piedi della gente, perché come aveva detto il mio amico, siamo entrati da sotto i solidi basamenti di metallo e legno.



Abbiamo cercato di non fare rumore, anche se le persone che erano sopra di noi hanno riso forte e non potevano sentirci.



Siamo andati avanti fino al punto in cui finalmente potremmo iniziare a testimoniare la funzione.



Nel centro del posto c'erano i pagliacci e loro erano veramente buoni. Vedendo solo pochi secondi della sua routine muta stavamo già morendo dalle risate. Al momento abbiamo dimenticato la missione della nostra piccola azienda e ci siamo concentrati sulla funzione. Dopo un paio di altre barzellette visive, i clown terminarono la loro routine.



Mentre scomparivano dietro le spesse tende era presente una potente voce. All'inizio non sapevamo da dove venisse, ma poi abbiamo visto che proveniva da un uomo vestito elegantemente di nero e rosso, che rimaneva dietro il pilastro centrale del circo, situato proprio nel centro del luogo.



Aveva un aspetto penetrante grazie alle sopracciglia spesse come i baffi.



Ha annunciato l'ingresso dei gemelli, che stavano facendo acrobazie su un cavo alto più di 15 metri. È stato difficile per noi guardarli da sotto le tribune, ma alla fine ci è piaciuto tanto quanto il pubblico sopra di noi.



Poi l'uomo in nero e rosso è riapparso e ha annunciato uno spettacolo di giocoleria con spade. Ci ha lasciati stupidi e con gli occhi di un gufo che sembra.



Poi l'uomo in nero e rosso è riapparso e ha annunciato ai leoni. Molti avevano per soffocare un grido quando un uomo infilò la testa nella bocca di un leone, ma il leone aspettato con pazienza, e non mangiava.



Ogni spettacolo è stato più pericoloso di quello precedente.



avevamo perso la cognizione del tempo e solo quando lo stesso uomo in nero e rosso ha annunciato lo spettacolo finale ci siamo resi conto di quanto ci era stato nascosto laggiù.



-¡El evasione! Gridò con gioia e applausi scoppiò di nuovo -.



Alcuni ci sembrava perplesso di ignorare ciò che significava evasione. Abbiamo restituito la vista al palco e abbiamo trovato un gruppo di uomini stanchi e sparuti che spingevano un enorme pezzo di legno con dei buchi. Due piccoli e un grande buco al centro.


Dietro di loro apparve un uomo incappucciato, i piedi ammanettati e le mani guidate dagli stessi uomini stanchi, capimmo che la sua testa e le sue mani erano destinate a occupare quei buchi.



lo collocati nella posizione che aveva immaginato ed è stato allora che ho visto i posti a ciascuna estremità di mobili pesanti in possesso di un coltello da gigante che sarebbe caduta dall'alto per mutilare le mani e decapitarlo.



alcuni dei bambini si guardarono di nuovo, più perplesso di prima.



Quando l'uomo in nero e rosso rimosso il cofano, molti dei bambini che erano con me risucchiato in aria rumorosamente e questa volta ero l'unico si rivolse a loro, e nessuno ha restituito il mio sguardo. Tutti sembravano conoscere l'identità della persona laggiù.



Ho guardato l'uomo con i folti capelli grigi e le sue rughe marcate che guardavano con uno sguardo inquieto qualcosa o qualcuno nel pubblico. L'uomo in nero e rosso cominciò a spiegare che ciò che quel soggetto avrebbe cercato di fare sfuggirebbe alle manette e poi a quel dispositivo chiamato puledro del destino.



- È come un mago! - Ho pensato-.



- Al numero di tre tirerò questa corda e scoprirò se quest'uomo è in grado di sfuggire al suo debito verso il circo e il suo destino... Uno!



Le mie mani hanno cominciato a sudare quando ho visto che l'uomo sembrava più disperato che mai, cercando di trovare aiuto dal pubblico, ma ero certo che questa era solo una parte dello spettacolo. Sapeva che all'ultimo secondo avrebbe lasciato andare e tutti avrebbero applaudito la sua destrezza.


- Two!



Improvvisamente, i suoi occhi e il mio si sono incrociati e il sangue si è congelato. Mi fissò con gli occhi spalancati e tirò abbastanza aria per dare un urlo potente.



- Tre!



L'uomo tirò la corda e coltello pesante è caduto e si tolse la testa e le mani del corpo dell'uomo. Sapevo che l'ultima cosa che ha visto nella sua vita erano i miei occhi.



L'applauso scoppiò dappertutto soffocare le grida dei tanti bambini che sono uniti a noi quella notte.



Il mio amico era Prima a reagire e ha iniziato a portarci fuori dal circo. Quando finalmente eravamo fuori tutti correva nella direzione ha pensato meglio.



Io e il mio amico corse insieme verso casa e poi mi ha detto di non fermarmi fino a ottenere alla miniera.



Corsi e corsi fino a quando le mie gambe bruciarono il mio cuore usciva dalla mia gola, e quando tornai a casa entrai senza emettere un suono e mi buttai sul tappeto. Mi sono riparato fino alla nuca e sono stato attento se qualcuno mi avesse seguito a casa. Quella sera non ho potuto dormire, la notte successiva o molti altri fino a molti anni.



Il giorno dopo, nessuno a scuola voleva parlare di quello che era successo la notte precedente, ma abbiamo notato che due dei compagni. Per coincidenza, due di quelli che ci avevano accompagnato al circo.



Nel pomeriggio abbiamo appreso che i due compagni di classe che non hanno frequentato le lezioni non sono apparsi e la gente ha iniziato a cercarli, ma non hanno avuto successo.



Il giorno dopo, altri due sono scomparsi ed è stato il mio i genitori hanno preso la decisione di mandarmi con i miei sponsor nella capitale, mentre la situazione si è calmata. Due giorni dopo, otto bambini erano scomparsi ed è stato quando i miei sponsor sono venuti a prendermi.



Non ho avuto il tempo di salutare nessuno nella città di Clemencia, men che meno il mio migliore amico.



Prima Alla fine della settimana, 11 bambini erano già scomparsi. Non era necessario che i miei genitori cercassero di nascondere che il mio migliore amico era uno di quelli 11. Lo sapevo già. Sapevo che era una questione di tempo prima che sparissi anch'io.



Non so se gli stracci in cui mi trovavo, i tasti delle mie mani o le costole prominenti, hanno spinto i miei sponsor a prendere la decisione di allevarmi come uno dei suoi figli, ma è così che è stato.



Hanno cominciato a riempirmi la testa di idee di un lavoro d'ufficio. Mi hanno instillato l'abitudine di leggere e poi mi hanno messo nella scuola cittadina. Si sono concentrati molto su di me adattandomi a questo nuovo ambiente competitivo. E ho anche fatto la mia sfida.



Ho lasciato l'accento sul campo e poi mi sono concentrato a diventare uno dei migliori studenti di scuola elementare, superiore, superiore e universitaria.



Sono diventato un insegnante e ho combattuto tenacemente contro l'ignoranza. Quello scopo della vita è stato tale che ho completamente dimenticato gli eventi che hanno portato i miei genitori a portarmi fuori città.


Qualche giorno fa mia madre è morta, a cui ha sempre mandato denaro per le sue spese, ma mai visitato. Preferiva che andasse in città per portarla a visitare la cattedrale e la basilica. Quest'anno non è stato sufficiente per andare e sono stato io a venire sepolto nel pantheon di Clemencia.


Questa è la prima notte che dormo nel villaggio da più di 50 anni. Mi sono svegliato all'alba e quando mi sono visto allo specchio ho avuto una terrificante sorpresa. Finora ho capito che quello che gli altri vedevano quella notte non era un uomo che cercava, inutilmente, di sfuggire alla sua decapitazione, ma a se stesso.



Ognuno di noi testimoniato la sua morte e perché qualcuno potesse reagire fino scroscio di applausi.



sto cercando terrorizzati lo specchio e la comprensione che il mio viso è esattamente come l'uomo che 50 anni fa hanno decapitato di fronte a me. Non uno di più rughe o meno...



Mi dispiace di finire la mia storia così bruscamente a questo punto, ma qualcuno bussa alla porta e forse per me.



Forse è che io per pagare uno spettacolo circense che ho visto qualche tempo fa.



Forse ho un appuntamento con il mio destino.

Share this