venerdì

Di cosa muoiono le persone con il morbo di Alzheimer?


Spesso sono interrogato dai parenti dei pazienti con malattia di Alzheimer, quale sarà il percorso che i loro parenti seguiranno e quale sarà il risultato. Riassumerò in 7 punti gli argomenti più importanti al riguardo:




  • Contrariamente a ciò che la gente di solito pensa, le persone con la malattia di Alzheimer non muoiono di "dimenticare di respirare".

  • Le cause più frequenti di morte sono gli incidenti che sono causati da errori nelle loro cure e infezioni respiratorie e cutanee a causa della mancanza di mobilizzazione necessaria per una buona salute.

  • Il tempo che va dalla comparsa dei primi sintomi a un esito fatale è di circa 8 anni senza alcun trattamento e fino a 16 anni con le medicine che abbiamo a disposizione al momento.

  • La cura che questi pazienti richiedono è molto e molto stanca, fino a 80 ore settimanali che devono dedicare esclusivamente a loro.

  • È per tutto questo che i caregiver primari dei pazienti con sindromi demenziali hanno un'alta incidenza di sindrome da deperimento, depressione e ansia.

  • Fino al 66% dei casi i caregiver primari sono familiari molto vicini al paziente (moglie, figli, nipoti, ecc.).

  • La cosa migliore per il paziente è quella di formare routine per svolgere le attività quotidiane: il cibo nei momenti più appropriati, il tempo del bagno, il cambio di vestiti e il processo di pulizia e i tempi giocosi ascoltando la musica Erano soliti guardare la televisione o chiacchierare.

  • È stato dimostrato che l'evoluzione è molto migliore se c'è un frequente contatto fisico ed emotivo con la persona che soffre di demenza: non comprendono più il linguaggio verbale ma capiscono molto bene il linguaggio non verbale che implica il volti, comportamenti, tono della voce e persino toccare frequentemente i pazienti.

  • Gli eventi più debilitanti e problematici con questi pazienti sono i cambiamenti di personalità e i momenti di aggressione verbale e fisica che di solito presentano il prodotto delle confusioni.

  • Nonostante sia una malattia cronica e in peggioramento, l'immagine non è così male se vai dal dottore e fai uso di tutti gli strumenti attualmente disponibili per aiutare il paziente affetto da demenza e famiglia.

Share this