lunedì

Depressione postpartum Anche il papà può essere depresso?


Siamo abituati a sentire e parlare della depressione postpartum, ma per quanto riguarda i nuovi genitori maschi? Possono essere depressi?



In nessun modo voglio che questo suoni come gare di "sofferenza", ma voglio chiederti diversi elementi che possono aiutare la presentazione della depressione nei genitori:




  • Nuovi bisogni finanziari a casa: biberon, latti speciali, vestiti e non parlare dei famosi pannolini.

  • Grandi esigenze fisiche: devi cooperare per lavorare a casa partendo da un brutto sogno.

  • Cura speciale: il padre ha un nuovo bambino completamente indifeso a casa, una madre in via di guarigione dal parto o dal parto cesareo e spesso in visita in famiglia e qualche altro bambino che necessita anche di attenzione.

  • Incertezza sul futuro: la nascita e l'aggiunta di un nuovo membro alla famiglia obbliga le fantasie di ciò che sta per accadere con questa nuova disposizione della famiglia.

  • Definizione del ruolo della paternità: sempre, sempre, ci sono sempre dubbi su come si giocherà da padre e che non esiste un "manuale" su come farlo bene.



Ma probabilmente il fattore più importante nella presentazione della sintomatologia depressiva in questi nuovi genitori maschi è che dalla nascita fino ai 9 o 10 mesi di età del bambino, sarà completamente escluso dal binomio madre-bambino. Nel normale sviluppo del bambino e della madre, è super necessario per questo periodo in cui il resto del mondo non esiste, incluso il padre. Le uniche parole che servono come consolazione sono... che questa fase passa.



Come in molti degli argomenti discussi in queste partecipazioni, è molto importante menzionare che se questi sintomi di depressione sono così intensi che influenzano il mio funzionamento quotidiano È tempo di fare una passeggiata con un esperto di salute mentale per verificare come stanno le cose.

Share this