venerdì

Il bikini blu


Alcuni mesi fa ho deciso di prendere un aereo e andare a trascorrere qualche giorno con me stesso in spiaggia per dimenticare tutto. Per diversi anni ho questa abitudine di allontanarmi per avere uno spazio per riflettere.



Uno di quei pomeriggi era sulla spiaggia sdraiato su una cuccetta, felice e grato per l'opportunità, godendo di una vista spettacolare e un daiquiri di cocco ghiacciato. Ero così rilassato che i miei occhi stavano letteralmente per chiudere quando improvvisamente mi sono girato e ho visto una coppia che ha attirato la mia attenzione. Era una signora di circa 75 anni vestita con un minuscolo bikini blu, era un uomo di 80 anni che non smetteva di accarezzargli una gamba, entrambi erano visti con uno sguardo intenso che diceva tutto, uno di quelli in cui hai un conversazione senza bisogno delle parole.



Non ho smesso di elaborare migliaia di domande, che mi sono risposto, meravigliato che una scena del genere si sposasse? Hmmm... ma sicuramente devono essere al secondo turno o anche al terzo? Saranno amanti? hmm... neeee alla tua età nooo! Lo stupore fu grande quando si scambiarono un bacio appassionato mentre giocava con la coda di cavallo emaciata e bianca, che portava con orgoglio mentre la stringeva forte al petto. In quel momento la curiosità mi ha sopraffatto e mi sono costretto ad alzarmi.



Con l'educazione sono andato da loro per chiedere loro, in inglese perché era la lega di cui stavano parlando, se non avevano alcuna obiezione a rispondere a qualcosa. Con un sorriso e una mano tesa, invitandomi a sedermi al suo tavolo, risposero gentilmente che avrei potuto chiedere volentieri ciò che volevo. Mi sono subito presentato e senza ulteriori indugi ho chiesto loro: quanti anni sono stati sposati? la risposta mi ha sorpreso: siamo insieme da 56 anni... Eeeek!!! Cosa! Immediatamente hanno scattato una foto per mostrarmi i loro figli, i nipoti e i pronipoti pieni di orgoglio.



Le mie prossime domande sono state: Come possono essere sposati per così tanti anni, essere soli in vacanza, fondersi in ogni look e parlare senza parole? Qual è la formula? La risposta: siamo sempre stati la priorità l'uno dell'altro, siamo il pilastro di questa famiglia e se lavoriamo in coppia tutto il resto funziona. Quanta saggezza c'è in questa risposta...



Oggi la maggior parte dei matrimoni finisce sfortunatamente in divorzio e credo che uno dei motivi principali sia perché quando i bambini arrivano la coppia dimentica di innamorarsi ogni giorno, uomini e donne si concentrano sui bambini e trascurano la coppia senza rendersi conto che questa sarà la cronaca della morte annunciata del matrimonio. Mentre i bambini crescono, se non succede prima, ci sono due "estranei" che vivono sotto lo stesso tetto con una sola cosa in comune: i bambini e finalmente se ne andranno e sperimenteranno la sindrome del nido vuoto, paura di rifare le loro vite per età o situazione economica, rassegnato a sopravvivere giorno per giorno fino alla fine.



Sono la percentuale che ha deciso di porre fine a questo "modo di sopravvivere giorno per giorno": 13 anni divorziati. Non c'è dubbio che questa coppia di anziani ha saputo scegliere bene con chi condividere la propria vita, è chiaro che la cosa più importante è loro e che gli altri sono il risultato del loro amore che entrambi hanno a cuore e che si nutrono così tanto.



Non dimenticherò mai quel bikini blu e conserverò sempre la speranza che un giorno sarò seduto con uno che accarezza la coda magra di un grande uomo... e tu hai già il tuo?



Un abbraccio di quelli che riparano l'anima.



Con amore,



Loretta Valle.

Share this